Created on 19 Aug 2021 ;    Modified on 30 Aug 2021

La recensione di The hunt for Red October

Abbiamo letto il romanzo The hunt for Red October: di Tom Clancy, pubblicato da Berkley Books. In questo articolo riportiamo le nostre impressioni.

Riferimenti

Periodo di lettura e di recensione: Agosto 2021

Autore: Tom Clancy
Titolo: The hunt for Red October
Titolo originale: The hunt for Red October
Sottotitolo: n.a.
Editore: Berkley Books, 1984
Pagine: n.a.
ISBN: 1-101-01036-3
Serie: Jack Ryan


Alcuni personaggi

  • Ottobre Rosso: sottomarino lanciamissili della Marina militare dell'Unione Sovietica; prototipo dotato di un apparato per la navigazione silenziosa.
  • Marko Ramius: comandante dell'Ottobre Rosso.
  • ... Petrov: ufficiale medico dell'Ottobre Rosso.
  • Jack Ryan: analista della CIA, distaccato a Londra, in collegamento con i servizi di Intelligence Britannici.
  • Arthur Moore: director of central intelligence.

Contenuto

Il 3 Dicembre, in pieno inverno, il comandante Marko Ramius, vedovo della moglie Natalia, sua unica familiare, salpa dalla base di sottomarini a Polyarnyy. È al comando del sottomarino lanciamissili Ottobre Rosso: un prototipo della classe Typhoon, dotato di un nuovo tipo di propulsione per la navigazione silenziosa.

La scomparsa della moglie di Ramius ha portato a maturazione la sua decisione di abbandonare l'Unione Sovietica e passare agli Stati Uniti. A questo scopo ha progettato accuratamente il suo piano, profittando della sua posizione preminente quale comandante, progettista, collaudatore e istruttore nella flotta dei sottomarini. Grazie a questi incarichi decennali, è stato in grado di scegliere personalmente gli ufficiali al comando dell'unità navale. Ed è stato in grado di pianificare le mosse che gli dovrebbero permettere di raggiungere gli Stati Uniti senza essere intercettato.

La maggior parte della decina di ufficiali che controllano l'Ottobre Rosso conoscono e condividono il suo piano di abbandonare l'Unione Sovietica. E per evitare eventuali ripensamenti, Ramius indirizza una lettera all'ammiragliato. Lettera in cui comunica la defezione della sua unità.

Dopo di che, profittando della riunione privata con l'ufficiale politico per l'apertura degli ordini della missione, inscena un incidente uccidendo l'ufficiale politico. Ufficiale cha avrebbe ostacolato il suo piano. E sostituisce gli ordini reali con quelli previsti dal suo piano: navigare senza essere intercettati fino alla coste degli Stati Uniti e poi a Cuba.

A Londra, pochi giorni prima, Jack Ryan ha ricevuto le foto dell'Ottobre Rosso riprese da una spia dell'intelligence Britannica. Gli inglesi sanno che gli americani non hanno immagini del sottomarino. In cambio chiedono di essere aggiornati su nuovi metodi di ripresa messi a punto dalla CIA.

Jack Ryan il 4 Dicembre parte per Langley, Virginia, per consegnare le foto al suo referente nella CIA: il Deputy Director for Intelligence vice ammiraglio James Greer. Nella relativa riunione si evidenzia il cruccio di Ryan: Ottobre Rosso ha portelli a prua e poppa, simmetrici ai due lati della fusoliera, di cui non si conosce la funzione. Per risolvere questo enigma, Ryan chiede ed ottiene il permesso di convolgere nell'analisi delle immagini Skip Tyler. Questi è un ex ufficiale di sottomarini della US Navy, che ha perso una gamba a causa di un incidente stradale. Ritirato dal servizio attivo, ora lavora come istruttore in Accademia e come consulente per cantieri navali militari.

Nel successivo incontro tra Ryan e Tyler quest'ultimo ipotizza che i portelli in questione possano essere gli accessi e gli scarichi del sistema di navigazione silenziosa del sottomarino. E viene incarica da Ryan di simulare le capacità del sistema di propulsione in questione.

Mentre il lavoro della CIA e di Tyler prende piede, in mare il sottomarino d'attacco [1] Dallas si imbatte casualmente in un fievole rumore sonar che non riesce ad essere classificato dal computer del sottomarino. La cosa incuriosisce l'addetto senior al sonar: il marinaio Jones. Inoltre il Dallas rileva nella zona vari sottomarini d'attacco sovietici, lanciati a tutta velocità verso la costa degli Stati Uniti. Mancuso, comandante del Dallas, non lo sa, ma la caccia ad Ottobre Rosso da parte della Marina Sovietica è iniziata.

L'8 dicembre Ryan viene convocato da Arthur Moore: il direttore dell'intelligence centrale, capo di Greer: la risorsa della CIA più preziosa in Unione Sovietica ha comunicato che Ramius vuole disertare negli Stati Uniti. Di conseguenza la flotta navale sovietica nel Baltico è stata lanciata al suo inseguimento per intercettarlo e distruggerlo. 58 sottomarini d'attacco e una flotta di superficie composta da 28 navi da battaglia si stanno dirigendo a tutta velocità verso gli Stati Uniti. Rayan viene incaricato di preparare una presentazione che si terrà a breve al Presidente degli Stati Uniti.

Durante questa presentazione Ryan e la CIA comunicano al Presidente che ritengono Ramius voglia disertare e, se questo accadesse, avrebbero la possibilità di analizzare il sottomarino. Nella discussione conseguente il Presidente decide di interporre una forza navale di difesa rispetto quella sovietica, e di tentare di intercettare l'Ottobre Rosso per avvisarlo del dispiegamento dei sottomarini d'attacco sovietici. Ryan viene comandato di avvisare l'ammiraglio al comando della squadra navale americana, capitanata dalla portaerei Kennedy. E poi di fare lo stesso con l'ammiraglio White, comandante di una squadra navale britannica, in navigazione nell'Atlantico, di cui il Presidente chiederà la disponibilità al Governo inglese.

Mentre Ryan è impegnato nella sua missione di aggiornamento dei comandanti delle squadre navali occidentali, nel sottomarino Dallas, il marinaio Jones convince il comandante Mancuso che il rumore captato dai sonar e non classificato, deve essere la traccia di un nuovo tipo di sottomarino sovietico, in avvicinamento alla costa statunitense. A sua volta, il Dallas si mette alla ricerca di Ottobre Rosso.

A bordo di quest'ultimo, il piano di Ramius è in pieno svolgimento. Con sottigliezza, e l'aiuto dei suoi ufficiali, riesce a far germinare voci di un sabotaggio all'impianto di propulsione nucleare, con lo scopo di sbarcare l'equipaggio quando saranno in vista della costa statunitense.

A sua volta il Presidente statunitene interagisce con l'ambasciatore sovietico facendo presente la pericolosità delle attività della marina sovietica. Attività che possono essere considerate come la preparazione di un attacco agli Stati Uniti. L'ambasciatore replica che si tratta di una operazione di salvataggio di un sottomarino nucleare disperso.

Tyler, che ha completato la simulazione del sistema di propulsione, ottiene l'uso del supercomputer del Pentagono per farla girare. Con la sua visita al Pentagono viene a conoscenza dei movimenti della fotta sovietica e di conseguenza intuisce che Ottobre Rosso sta tentando la diserzione. Parlandone con Greer, Tyler capisce che sarebbe possibile sostituire il sottomarino sovietico con un un sottomarino statunitense dismesso, per poi simulare un incidente fatale. In tal modo sarebbe possibile sottrarre il sottomarino sovetico senza che la marina sovietica sia a conoscenza del fatto che è in mani americane.

Il suo piano viene rapidamente organizzato. Il 13 Dicembre, il Dallas riesce a percepire la traccia di Ottobre Rosso. Il 14 Dicembre il Dallas, che segue Ottobre Rosso, si fa sentire da quest'ultimo in un punto in cui è arrivata anche la squadra inglese. Ramius controlla la situazione tramite periscopio, e la portaerei britannica ne profitta comunicandogli tramite segnalazione ottica morse che l'ingresso ai porti americani è controllato dai sottomarini d'attacco sovietici. Dopo di che indica a Ramius un punto d'incontro, vicino le isole Caroline. Ramius accusa ricevuta e si dirige verso il punto d'incontro, seguito dal Dallas.

Ora il piano di Tyler diviene operativo. Una nave soccorso americana, dotata di un sottomarino da osservazione e soccorso per grandi profondità, si reca al punto d'incontro. Purtroppo la squadra di ufficiali di marina americani che avrebbe dovuto imbarcarsi sull'Ottobre Rosso perisce in un incidente aereo. Così viene richiesto a Rayan di prendere il loro posto, insieme ad un ufficiale britannico, con funzione d'interprete. Contemporaneamente, al punto d'incontro arriva anche un sottomarino nucleare balistico statunitense dismesso e imbottito di cariche esplosive.

Ramius simula una forte perdita di radiazione dal reattore dell'Ottobre Rosso, con quest'ultimo immobilizzato sott'acqua.

Rayan lo raggiunge con il sottomarino di soccorso, sale a bordo e, su richiesta di Ramius evacua l'equipaggio, con l'eccezione degli ufficiali che partecipano alla diserzione. Ma un membro dell'equipaggio, non visto, riesce a rimanere sull'unità. Costui appartiene alla intelligence della marina sovietica, ed ha il compito di assicurare la sicurezza dell'unità. Capito che gli ufficiali stanno disertando, inizia ad attuare la contromisura prevista: far detonare un missile, assicurando l'affondamento del sottomarino. Segue un conflitto a fuoco nel quale muore un ufficiale sovietico e rimangono feriti l'interprete e Ramius. Rayan riesce ad uccidere il marinaio sovietico e, per sicurezza, a far espellere il missile che questi stava manomettendo. Quindi viene fatto esplodere il sottomarino americano. Mentre Ottobre Rosso viene portato all'ingresso del fiume Ocracoke, dove vengono organizzati i primi soccorsi e viene fatto immergere per nasconderlo.

Mentre a bordo di Ottobre Rosso si curano i feriti, la Casa Bianca comunica all'ambasciatore sovietico l'avvenuta operazione di salvataggio del suo equipaggio e il suo, falso, affondamento. La relativa verifica della presenza dei resti di un sottomarino nucleare lanciamissili convince i sovietici a fare rientrare alle basi la flotta del baltico. Non senza avere dissimulato alcuni sottomarini d'attacco in punti strategici per sorvegliare le attività navali statunitensi.

Il 19 Dicembre, Ottobre Rosso, con la scorta di due sottomarini d'attacco americani, muove dall'estuario Ocracoke verso la base navale statunitense di Norfolk. Durante il percorso, il convoglio si imbatte nel sottomarino d'attacco sovietico Konovalov, che riconosce l'Ottobre Rosso. Nel successivo combattimento, i sottomarini americani sono in difficoltà: non possono aprire il fuoco verso l'unità sovietica senza rischiare l'avvio di un conflitto mondiale. Così Ramius, senza avere la possibilità di utilizzare i siluri, si trova costretto a dare fondo alle sue conoscenze degli equipaggiamenti sovietici per riuscire a ribaltare lo scontro a suo favore. E vi riesce, arrivando a speronare l'avversario, non senza avere incassato a sua volta un siluro: solo l'eccezionale scafo dell'Ottobre Rosso salva il suo equipaggio dalla morte.

Finalmente, il 20 Dicembre Ottobre Rosso approda alla base navale di Norfolk, e viene nascosto in un bacino di carenaggio schermato con una copertura anti satellite.

Impressioni

Cosa ci ha portato alla lettura di questo romanzo? Naturalmente la colpa è dell'omonimo film di Mc Tierman, uscito nel 1990, interpretato magistralmente da Sean Connery e Alec Baldwin.

Va detto che il romanzo è decisamente diverso dal film per vari aspetti.

Prima di tutto la trama: quella del romanzo è molto più articolata rispetto il film, che risulta più spettacolare e diretto.

Poi la caratterizzazione dei personaggi. Nel libro i personaggi di Jack Ryan e del capitano Ramius sono figure molto più credibili, rispetto i quasi super eroi del film. Qui abbiamo a che fare con persone quasi normali, che danno spazio ad altre figure. Ad esempio, nel libro è Tyler, non Ryan, a capire come ci si possa impadronire dell'Ottobre Rosso senza che i sovietici lo sappiano.

Ancora. Un'ulteriore cosa che colpisce chi legge il romanzo, è la dovizia di particolari relativi agli armamenti e alle tattiche militari che l'autore descrive a profusione. Ma questa è una caratteristica di Tom Clancy cui i lettori abituali saranno avvezzi.

Così come saranno avvezzi al fatto che in questi romanzi i personaggi schierati per gli Stati Uniti sono i buoni. Difficile trovare un personaggio americano negativo, se non per motivi didattici. Ci riferiamo all'intermezzo del funzionario pubblico reclutato dallo spionaggio sovietico, ed al suo esecrabile capo: un politico sempre disposto a perseguire i suoi interessi, più di quelli del suo paese. Anche questa è una costante nei romanzi di Clancy: usualmente i militari sono integerrimi e dei politici non si può dire altrettanto.

In conclusione. Un romanzo con una azione la cui evoluzione è un po' più lenta di quanto ci saremmo aspettati. Probabilmente ammaliati dal film, che, come detto, è molto più dinamico. I personaggi sono molto raccontati. Chi ci segue, sa che questo modo di descriverli non ci piace. Infine la identificazione del bene con la politica staunitense e del male con chi vi si oppone. Anche questo non ci piace: il mondo è molto più articolato di così. Tutto sommato un romanzo da leggere per puro relax, senza avere la pretesa di trovarvi aspetti profondi.

Enjoy. ldfa


[1]I sottomarini d'attacco sono veloci unità con propulsione nucleare. Progettati per intercettare e distruggere i più lenti, ma di solito più silenziosi, sottomarini nucleari lanciamissili.